Le mille facce del sole. Amico o nemico della nostra salute?

2

I vantaggi sono numerosi: dal’aumento della vitamina D, al miglioramento dell’umore. Ma fa sempre bene?

A chi non piace trascorrere le lunghe giornate estive all’aria aperta? Magari dedicando anche un po’ di tempo alla tintarella? Ebbene non tutti sanno che esiste anche una determinata scienza che si basa sull’esposizione ai raggi solari per curare determinate malattie. Stiamo parlando dell’elioterapia. Una scienza terapeutica che si basa sull’esposizione ai raggi solari per la cura di disturbi di varia natura.

abbronzatura1_500

Le mille facce del sole. Amico o nemico della nostra salute?

Numerosi sono i benefici che questa particolare terapia naturale apporta all’organismo. Il tutto è in funzione dell’intensità con la quale il calore irradiato dal sole interviene sul corpo umano.La sensazione di benessere e di calore derivante dalla luce solare crea una complessa interazione che coinvolge tutti i sistemi fisiologici e tutte le loro diverse attività. In particolare è stato riscontato un maggiore rilassamento muscolare ed una maggiore mobilità delle articolazioni.L’esposizione alla luce solare è un vero toccasana a livello cutaneo. Infatti il sole riesce a trasformare la vitamina D nella sua forma attiva D3. L’attivazione della vitamina D è la cura essenziale per diverse malattie, tra cui il rachitismo. Tra i vantaggi maggiori c’è da sottolineare anche la stimolazione del tono fisico, il miglioramento dell’umore e l’attenuazione dei dolori muscolari. Anche chi soffre di psoriasi trova giovamento dall’esposizione alla luce solare.Ciò non significa che una esposizione alla luce solare diretta sia sempre benefica. Infatti se numerosi sono i vantaggi, altrettanto numerosi sono i rischi. Diversi sono gli effetti negativi diretti e immediati, soprattutto per la pelle, come eritemi, orticarie e scottature. Da non sottovalutare anche gli effetti tardivi e indiretti che sono assai più gravi. Come macchie brune, cheratosi (ispessimenti della cute), invecchiamento precoce, degradazione del DNA (soprattutto in corrispondenza di esposizioni prolungate) e degradazione dei fosfolipidi di membrana, ossia tutte condizioni che nel tempo possono degenerare in forme maligne sotto forma di tumori o melanomi. Per leggere i rimedi naturali contro l’eccessiva esposizione solare, clicca qui.

Per godere al massimo dei benefici e ridurre il rischio di conseguenze dannose si possono seguire alcune semplici regole del buonsenso. La principale: non aspettare l’arrivo di luglio per ricordarsi di prendere il sole, ma esporsi costantemente alla luce solare durante tutto l’anno, cercando di scoprire più cute possibile anche al sole invernale, in modo da mantenere la pelle “allenata” e favorire l’attività benefica dei raggi solari.

Commenti Facebook
Condividi.
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE